Torna al Blog
MAPPE MENTALI PER PARLARE IN PUBBLICO

MAPPE MENTALI PER PARLARE IN PUBBLICO

strategie di apprendimento

Ti è mai capitato di dover parlare in pubblico?
Di esserti preparato per ore e poi di dimenticare pezzi interi del discorso?
Tutti parliamo in pubblico. Anche quando hai una sola persona davanti, che sia un cliente, un fornitore, che tu sia in una contrattazione di vendita, una riunione, con il partner o con i tuoi figli, durante una interrogazione o un esame all’università, nel momento in cui apri la bocca stai di fatto tenendo un discorso in pubblico.

Le emozioni che proviamo (assolutamente normali visto che siamo esseri umani 😉), quindi ansia, tensione, frasi che ci girano in testa tipo: “e se mi dimentico tutto?”, però, non ci aiutano e abbassano notevolmente la nostra razionalità, aumentando a dismisura la possibilità di fare brutte figure e sminuire la nostra professionalità e preparazione.

Ci vuole quindi uno strumento efficace per ricordare.

Qui entrano in gioco le Mappe Mentali, lo strumento per eccellenza per organizzare il tuo pensiero e memorizzare le informazioni!


Le Mappe Mentali sono lo strumento che uso quando devo strutturare un corso, o un intervento in pubblico. Anche se parlo davanti ad una platea da oltre 20 anni, un pizzico di emozione c’è sempre e le Mappe Mentali sono il porto sicuro a cui attraccare per i punti chiave da dire.

Qui ti mostro una mappa mentale che sintetizza su un unico foglio la struttura del corso Mappe Mentali One Day Live (di 8 ore di durata).


Dettagli da osservare:

  1. Ogni ramo ha una creatività e colori diversi. Questo mi permette di identificarla con maggiore chiarezza all’interno della mia mente.

  2. è molto sintetica, cioè non trovi molti rami di 2° livello. Questo perché nel mio caso (è un corso che tengo da anni) la mappa mi serve solo come struttura dei contenuti, non per ricordarmi le cose da dire. Ho altre mappe, invece, caso mai di corsi che sto creando in questo periodo, che sono molto più dettagliate.

  3. per ogni ramo c’è una immagine. Questo perché è la prima cosa che viene in mente (poi arrivano le parole) e avere un disegno per ogni ramo mi permette di accedere al contenuto immediatamente.

  4. è fatta con il programma per computer di Buzan. Essendo una Mappa che uso al corso per spiegare come sarà strutturata la giornata, ho preferito farla così invece che a mano. L’uso del programma lo consiglio solo dopo aver realizzato a mano un certo quantitativo di mappe, perché così i vari automatismi del programma diventino prima nostri. Il programma viene usato molto da chi non ha una bella scrittura, da chi fa mappe di riunioni che poi devono essere condivise, da chi è DSA e/o è molto allenato a lavorare con il computer.