Per avere successo ci vuole GRINTA!

Angela Lee Duckworth conduce studi per determinare i fattori principali che contribuiscono al successo. Dopo aver lasciato un buon lavoro come consulente, Angela ha iniziato a lavorare come insegnante di matematica delle scuole medie in una scuola pubblica di New York. Subito si è resa conto che il Q.I. non era l'unica cosa che separava gli studenti di successo da quelli che facevano fatica. In un bellissimo intervento al TED ci spiega la sua teoria della "grinta" per predire il successo (il video è in inglese ma ci sono i sottotitoli in italiano)!

Alcuni dei migliori studenti non avevano un altissimo quoziente di intelligenza mentre alcuni studenti molto intelligenti non necessariamente ottenevano buoni voti in matematica.
Dopo alcuni anni ha capito che l’apprendimento è determinato in gran parte anche dalla motivazione dello studente. Che succede se andare bene a scuola e nella vita dipende da qualcosa di più grande dell'abilità di imparare velocemente e facilmente?

Dopo cinque anni come insegnante è quindi andata all’University of Pennsylvania per completare un dottorato in Psicologia e dove adesso lavora come assistente del Dipartimento di Psicologia. Ha iniziato a studiare bambini e adulti in diverse situazioni (venditori, insegnanti, militari, allievi, aziende private, ecc.) con in mente una sola domanda: “Chi raggiunge il successo e perché lo raggiunge?”

In tutti questi contesti diversi, è emersa una caratteristica per prevedere in modo significativo il successo: non è l'intelligenza sociale, 'aspetto fisico, la salute o il Q.I… è la GRINTA.

La GRINTA è la passione e la perseveranza di raggiungere obiettivi a lungo termine. La GRINTA è resistenza. La GRINTA è seguire il proprio futuro, giorno dopo giorno, non solo per una settimana, o per un mese, ma per anni, lavorando sodo per rendere quel futuro una realtà. La GRINTA è vivere la vita come una maratona, non come uno scatto.

La cosa più scioccante sulla grinta è quanto poco sappiamo, quanto poco la scienza sa, su come svilupparla. Quello che si sa è che il talento non ti rende grintoso.

Allora come svilupparla?

Per ora, la migliore idea è una cosa chiamata "mentalità di crescita". È un'idea sviluppata alla Stanford University da Carol Dweck e riguarda la convinzione che l'abilità di imparare non è fissa, ma può cambiare con i propri sforzi. La Dott.ssa Dweck ha mostrato che quando i ragazzi leggono e imparano riguardo al cervello, a come cambia e cresce in relazione alle sfide, è più probabile che essi perseverino quando falliscono, perché non credono che il fallimento sia una condizione permanente.

E adesso prendi le tue migliori idee e intuizioni, e mettile alla prova.
Devi essere pronto/a a verificare se avrai successo e devi essere disposto/a a fallire, a sbagliare, a cominciare daccapo con le lezioni imparate.

La cosa importante è tenere lo sguardo avanti e perserverare... con GRINTA!